H2O Dive » Blog

Trivellazione a Tremiti


Le società petrolifere all’attacco del parco marino

Gli ambientalisti sono sul piede di guerra. Legambiente ha infatti annunciato di aver impugnato, assieme ad altre associazioni, dinanzi al Tribunale amministrativo regionale del Lazio, il decreto del Ministero dell’Ambiente 126/2011 che consente le trivellazioni in una zona di mare Adriatico vicino alle isole Tremiti, in Puglia. Alla base del ricorso ci sarebbero perplessità riguardo la valutazione dei rischi e dell’impatto ambientale nella zona.


DOMENICA 29/05/11 – INAUGURAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE

Domenica 29 Maggio presso il trabocco di Punta Punciosa,  sulla statale tra San Vito e Fossacesia, si è svolta con successo (modestia a parte!) l’inaugurazione ufficiale della nostra associazione.

Ora arriva la parte più dura ovvero quella di trovare sempre la strada giusta per correre incontro alle esigenze dei nostri soci e riuscire a formare una piccola, e speriamo non tanto piccola, famiglia di Subbi!

Il nostro impegno è sempre a disposizione e faremo di tutto per non deludere le aspettative di chi ogni giorno crede in noi e ci permette di diventare una sempre più solida realtà nel territorio abruzzese.

GRAZIE A TUTTI I SOCI CHE SONO INTERVENUTI ED A QUELLI CHE SEPPUR LONTANI CI SONO STATI VICINI CON IL LORO CUORE!

GODETEVI UN PO’ DI FOTO DELL’EVENTO QUI!

 


Estate torrida? Si, grazie!


Previsioni stagionali danno ottime speranze

Buone notizie per gli appassionati di subacquea come noi! Le previsioni stagionali pubblicate da ilmeteo.it che potrete trovare QUI indicano una stagione veramente carente di piogge e bel tempo fino alla metà do ottobre. Certo tanto caldo ha i proed i suoi contro ma non si può mica accontentare tutti no?!

Ci si vede presto per lr prime immersioni dell’anno!


Brutta notizia nel giorno di festa

Una brutta notizia nel giorno di Pasquetta: alle 13, sulla spiaggia di Porta Nuova, all’altezza dello stabilimento La Stella d’oro, è stata ritrovata una tartaruga marina morta. La segnalazione, giunta da alcuni cittadini, è stata inoltrata dalla Direzione marittima alla polizia municipale, che è subito intervenuta sul posto. Si pensa che sia una delle tartarughe reimmesse in mare mesi fa dalla Asl.

La testuggine apparteneva alla specie Caretta Caretta ormai da molti anni protetta.


Le imbarcazioni tornano a devastare il sottocosta abruzzese

Ieri mattina all’alba hanno preso d’assalto la scogliera di San Nicola. Questa volta l’incursione è stata fotografata dai residenti della zona intenzionati a consegnare all’autorità marittima il dossier fotografico. Purtroppo non è certo la prima volta e se le autorità non attiveranno controlli più serrati non sarà nemmeno l’ultima. Già, perchè solo 3 giorni fa lo stesso abbiamo avvistato con i nostri occhi le stesse imbarcazioni al lago delle coste che da Ortona scendono verso Fossacesia.


Studi approfonditi potrebbero portare benefici agli esseri umani

Scovati dei pesci che dormono pochissimo, un periodo di tempo così breve che se fossero uomini soffrirebbero di disturbi del sonno: sono i pesci cavernicoli che vivono al buio e per questo si sono evoluti in modo molto particolare come per esempio l’assenza occhi.


L’Abruzzo e le altre regioni adriatiche lanciano il progetto Powered per la produzione di energia elettrica da impianti eolici piantati in mare.


Scopo del progetto è, per la precisione, «Definire strategie e metodi condivisi per sviluppare l’energia eolica off-shore in tutti i paesi bagnati dal mare Adriatico». La Regione Abruzzo è capofila di una rete di partenariato comprendente anche il ministero dell’Economia del Montenegro, Veneto agricoltura, la Provincia di Ravenna, le Regioni Marche, Molise e Puglia, Cetma, la società Micoperi srl, il ministero dell’Ambiente, quello dell’Econonia dell’Albania e la città di Komiza (Croazia).


Dal primo maggio al 15 ottobre, ma solo oltre gli 80 metri

Inizia regolarmente, dal prossimo primo maggio, la pesca del corallo rosso in Sardegna.

L’assessore regionale dell’Agricoltura, Mariano Contu, ha firmato il decreto che stabilisce il periodo e le norme di prelievo di una delle risorse più pregiate e caratteristiche dei mari isolani.

La pesca, che si concluderà il 15 ottobre, sarà consentita a profondità non inferiori a 80 metri, mentre è vietata nelle aree marine protette, nei parchi nazionali e regionali e in altre zone indicate nel decreto.


Nell’era del terrore nucleare la Scozia da il via ad un impianto sottomarino da 10 Megawatt.

Probabilmente non basterà a sostituire l’atomo, ma anche il mare può fare la sua parte nella produzione di energia, insieme a sole, vento e le altre rinnovabili. Lo dimostra l’esperienza della Scozia, dove il governo ha dato luce verde al progetto per quella che dovrebbe essere la più grande centrale al mondo che sfrutta le maree. A partire dal 2013 l’impianto dovrebbe aggiungere ulteriore lustro all’isola di Islay, già famose per le sue distillerie, che peraltro verranno alimentate proprio con l’energia del mare.


Dal 2014 un nuovo sistema di navigazione

Niente piu’ collisioni in mare con l’entrata in funzione, nel 2014, del sistema europeo di navigazione satellitare Galileo. Una novita’ in grado di aprire nuovi scenari tecnologici e giuridici anche per la navigazione da diporto.
Se ne e’ parlato in un convegno, a Roma, nel corso del quale e’ stato presentato il progetto della Cattedra di Diritto della Navigazione dell’Universita’ di Bologna sulla sicurezza della navigazione da diporto.


PADI